LA SCIENZA DEL BUON GOVERNO

 

europa Questo sito per proporre una nuova scienza, una branca della scienza politica, che, facendo sue le conoscenze della scienza politica e attingendo dalle esperienze del passato, si prefigga lo scopo di studiare le soluzioni alle problematiche socio-politiche che il buon governante, che è colui che mira esclusivamente al bene comune, è chiamato ad affrontare. Non è più pensabile, infatti, che nel XXI secolo si faccia ancora politica in modo intuitivo, con metodi approssimativi come nei secoli scorsi. Era tempo che qualcuno pensasse ad applicare il metodo scientifico alla politica. Sulle orme del famoso filosofo e uomo politico francese Emile Littré, che nel 1870, tenendo presenti i principi del positivismo, fondò la “Scienza del governo degli Stati” e nella scia della tradizione aristotelica – ciceroniana, si suggerisce l’istituzione di una nuova disciplina accademica che studi in modo scientifico i problemi reali quotidiani della gente. Basta con la politica fatta da persone incompetenti, spesso disoneste, capaci solo di trafficare, dispensare favori e raccomandazioni o di ingannare il popolo con facili promesse. Lo stato amministrato come un’efficiente azienda moderna.

Aggiornato al 21 Maggio del 2018

LA NUOVA SCIENZA

Perché una nuova scienza?
Viviamo nell’era dell’informatica e dell’esplorazioni spaziali, siamo dei “mostri” in termini di tecnologia e tramite le cellule staminali ci prepariamo a “costruire” organi per sostituire quelli del nostro corpo malati, ma non abbiamo ancora risolto nessuno dei grandi problemi che tormentano l’umanità: dalla fame, alle diseguaglianze sociali, alla disoccupazione, alla guerra ecc.. L’intero Occidente versa in una crisi economica e finanziaria che non si sa ancora con precisione quando avrà mai fine. Ogni giorno siamo testimoni dei deludenti risultati della “politica” affidata spesso a uomini politici incompetenti, impreparati, nella migliore delle ipotesi persone “non specializzate”, quando non disoneste e al potere solo per perseguire i propri interessi personali. Era tempo che si pensasse a trasformare la politica in una scienza. È l’impresa in cui ci siamo avventurati nel 2008 con la pubblicazione del volume: “La scienza del buon governo”.
Leggi…
logo
Scienza Buongoverno e scienza politica
La scienza del buon governo (sbg), secondo alcuni eminenti cattedratici italiani, tra cui G. Pasquino, si occupa di tematiche già oggetto di studio della scienza politica. Anche noi all’inizio ci siamo mossi nell’ottica di restare all’interno della sp, poi ci siamo convinti che se si voleva procedere in modo razionale bisognava dare vita a una nuova disciplina, una branca della scienza politica, che si prefiggesse lo scopo di cercare le “risposte” alle problematiche socio-politiche che il buon governante è chiamato ad affrontare. In parole semplici, una scienza che si propone di affrontare con obiettività lo studio dei problemi che scaturiscono dall’organizzazione politica ed economica di una nazione, dall’ordine pubblico, ai problemi dell’istruzione ecc., per individuare le soluzioni migliori, valutando di ognuna vantaggi e svantaggi, pregi e difetti. Tra sp e sbg passa la stessa differenza che c’è tra l’economia politica e la politica economica. La prima è soprattutto analitica, studia i fenomeni economici, la seconda suggerisce le strategie migliori per affrontare i problemi, ad es. suggerisca come riportare a livelli accettabili la criminalità.
Leggi…
FINITO DI SCRIVERE A FINE MAGGIO 2015
Nuova Edizione della SBG

L’OGGETTO DI STUDIO


La scienza del buon governo, al contrario di altre discipline, il cui oggetto di studio non sempre è ben delimitato, indica con precisione tutte le tematiche di cui si occupa, arrivando addirittura a proporne un elenco. Esse si possono dividere in: tematiche economiche e tematiche sociopolitiche. Per le prime, chiaramente, la sbg si serve delle conoscenze offerte dall’economia politica e dalla politica economica. Per le seconde, oltre che sulla ricerca, si basa sui saperi offerti dalla scienza politica, dalla sociologia e dalle altre scienze sociali. Una cosa, però, deve essere chiara fin d’ora: la scienza del buon governo (sbg) rifugge da discorsi fumosi, si tiene lontana dalle dissertazioni filosofiche, dalle teorie politiche, dalla politica fatta con gli slogan ecc. e si interessa solo di problemi veri, dalla microcriminalità, alla mancanza di lavoro, all’immigrazione, al sistema pensionistico ecc.. Tutte tematiche, che, per la prima volta, diventano l’oggetto principale di studio di una scienza.
Gianni Gargione

Alcune Notizie dalla Pagina Facebook di E-Book Gratuiti Per Te

giovedì maggio 24th, 2018 - 10:10 am

Free E-Book & edizioni web gratis

Edvard Munch, Jealousy, 1907 ... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

martedì maggio 22nd, 2018 - 10:18 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

<3 <3 ... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

lunedì maggio 21st, 2018 - 5:39 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

TheMindUnleashed.com ... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

domenica maggio 20th, 2018 - 2:10 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

145 ANNI FA LEVI STRAUSS BREVETTAVA I BLUE JEANS
Il 20 maggio 1873, nasceva quello che sarebbe stato il capo più amato, indossato e rivisitato della storia. A zampa, strappati, con il risvolto: qual è il vostro modello preferito?
... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

giovedì maggio 17th, 2018 - 6:49 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

The Execution of Lady Jane Grey, 1833
Paul Delaroche (1797 – 1856), French

The painting depicts the last moments in the life of the seventeen-year old Lady Jane Grey, who was the great granddaughter of Henry VII and who was proclaimed Queen of England upon the death of young King Edward VI, but reigned for just nine days. She is also known as the "Nine Days' Queen". Lady Jane was young, intelligent and a political pawn whose destiny was out of her control. Due to the plotting of Mary Tudor, who claimed the throne, she was convicted of high treason and sentenced to death in the Tower of London.
... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

mercoledì maggio 16th, 2018 - 10:40 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

Dopo esser fuggiti da Troia, Enea e i suoi compagni giungono in Tracia per fondare una nuova città, fiduciosi del fatto che un tempo quella terra era amica ai Troiani. Tuttavia apparsogli un orrendo prodigio Enea e i compagni abbandonano quel luogo per recarsi a Delo e consultare l'oracolo di Febo. Questo prescrive ai Troiani di cercare l'antica madre, cioè la terra che per prima generò la stirpe troiana.
Anchise pensa che l'oracolo alluda a Creta, dove rapidamente si dirigono. Una volta giunti però una pestilenza e una carestia sono la prova della disapprovazione degli dei e quindi sono costretti a ripartire. Ritornati a Delo, gli dei Penati, apparendo in sogno ad Enea gli ordinano di continuare il viaggio, finché giungeranno in Esperia.

[Virgilio, Eneide, III, 160-171]
«Le sedi devono essere cambiate.
Apollo Delio non ti persuase a queste spiagge,
né ti ordinò di fermarti a Creta.
C’è un luogo, i Greci lo chiamano col nome di Esperia,
terra antica, potente per le armi e la fertilità del terreno;
la coltivarono uomini Enotri;
ora vi è fama che i discendenti
abbiano chiamato il popolo Italia dal nome di un capo.
Queste sedi ci sono proprie,
da qui sorse Dardano e il padre Iasio,
dal quale capostipite deriva la nostra stirpe.»

⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜ ⚜

After fleeing Troy, Aeneas and his companions arrive in Thrace to found a new city, confident that once that land was friendly to the Trojans. However, a horrible prodigy came to him, and his companions left that place to go to Delos and consult the oracle of Phoebus. He prescribes for the Trojans to seek the ancient mother, that is, the earth that first generated the Trojan race.
Anchises thinks that the oracle alludes to Crete, where they quickly head. Once arrived, however, a pestilence and a famine are proof of the disapproval of the gods and therefore they are forced to leave again. Returning to Delos, the Penati gods, appearing in a dream to Aeneas, order him to continue the journey, until they reach Hesperia.

[Virgil, Aeneid, III, 160-171]
«You must change your home.
Not these the shores the Delian Apollo counseled,
not in Crete did he bid you settle.
A place there is, by Greeks named Hesperia,
and ancient land, mighty in arms and in richness of the soil;
there dwelt Oenotrians;
now the rumour is that a younger race has called it from their leader’s name Italy.
This is our abiding home,
hence are Dardanus sprung and father Iasius,
from whom first came our race.»

#SPQROfficial
... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

lunedì maggio 14th, 2018 - 8:01 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

A cartoon by David Sipress. ... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

domenica maggio 13th, 2018 - 9:48 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

www.ArtsLife.com
365 giorni all'anno di #Arte e #Cultura

#EgonSchiele (1890 - 1918)
Torso femminile in biancheria intima e calze nere, 1917,
Gouache, watercolor and black crayon on paper 46 x 29.8 cm.,
private collection
... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

mercoledì maggio 9th, 2018 - 5:35 pm

Free E-Book & edizioni web gratis
Vai a vedere il post --->

sabato maggio 5th, 2018 - 4:35 am

Free E-Book & edizioni web gratis

«Agnosco veteris vestigia flammae.» ... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

giovedì maggio 3rd, 2018 - 4:45 am

Free E-Book & edizioni web gratis

Leonardo da Vinci died #onthisday in 1519. He made a number of sketches depicting the infant Christ playing with a reluctant-looking cat – shown here with the Virgin Mary watching on 🐈 http://ow.ly/RfTZ30jNhrs ... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->

venerdì aprile 27th, 2018 - 7:33 pm

Free E-Book & edizioni web gratis

Who is painting a dream now? Show us a preview in the comments. ... Vedi oltre...Vedi di meno

Vai a vedere il post --->
soluzioni
La soluzione ai problemi socio politici
I politologi della sbg da tempo si sono occupati dell’argomento arrivando a individuare tre fasi: 1) Individuazione della soluzione. Una volta che un problema si è imposto all’attenzione comincia la fase della ricerca della soluzione, detta dagli studiosi formulazione di una policy. 2) Attuazione. Questa fase, chiamata anche messa in opera o implementazione, incomincia una volta approvato un provvedimento e inizia l’iter per metterlo in pratica. Nei moderni Stati democratici spetta al governo, l’amministrazione pubblica, poi, si incarica di eseguire queste decisioni. 3) Valutazione dei risultati. Serie di attività conoscitive e di giudizio dirette ad accertare gli effetti conseguiti dal provvedimento. È una fase indispensabile se si vuole dare carattere scientifico al proprio intervento. I politici tradizionali, infatti, spesso si comportano come delle madri snaturate: una volta partorita la loro “creatura”, si disinteressano del suo destino.
Leggi…
metodi
I metodi di ricerca
La scienza del buon governo per i suoi studi si avvale di due tipologie di metodi: 1. I metodi raccolta dati. Sono le modalità di ricerca medianti le quali i ricercatori raccolgono le informazioni e i dati di cui ha bisogno per conoscere bene la tematica oggetto di studio in quel momento. E’ una fase di raccolta di informazioni, per conoscere meglio il problema, per capirne le cause e progettare le risposte. Essi sono: a) La ricerca bibliografica; b) La ricerca sul campo (studio dei singoli casi); c) Le inchieste; d) Il metodo storico; e) Il metodo statistico; f) Il confronto politico. 2. I metodi di controllo, che sono: a) Il metodo comparato; b) Il metodo statistico; c) Il metodo storico (questi ultimi due, infatti, possono essere usati anche come metodi di controllo); d) Il metodo sperimentale.
Leggi…

Le tematiche della sbg

Le tematiche economiche
La scienza del governo, al contrario della scienza politica, si occupa anche delle tematiche economiche, in quanto le ritiene non “separabili” da quelle sociopolitiche. In ultima analisi, qualsiasi tematica può essere ricondotta a una economica, se non fosse altro per il fatto che richiede qualche forma di finanziamento per essere avviata a soluzione. Per questo motivo riteniamo che la conoscenza dell’economia dovrebbe far parte del normale bagaglio culturale di ogni politico. Nel nostro modello sono di competenza del: Ministero dell’Economia (problematiche macroeconomiche),
Ministero del Tesoro (politica monetaria),
Ministero dell’Agricoltura (attività primarie),
Ministero dell’Industria e dell’Artigianato (settore secondario),
Ministero del Commercio e dei trasporti (settore terziario),
Ministero del Commercio con l’estero (settore terziario),
Ministero del Turismo
Ministero delle Entrate (politica fiscale).
Leggi…
economia3
Le tematiche sociopolitiche
Scaturiscono dall’esigenza sociale e dalla convivenza civile. Gli studiosi del buon governo, presentandosi strettamente interconnesse le une con le altre, hanno scelto di suddividerle per settore, a seconda del Ministero di competenza.Tematiche di assistenza sanitaria (Ministero della Salute).
Tematiche di ordine pubblico (Ministero dell’Interno)
Tematiche di giustizia e diritto processuale (Ministero della Giustizia)
Le tematiche di pubblica istruzione (Ministero della Pubblica Istruzione)
Le tematiche di politica estera (Ministero degli Esteri)
Le tematiche di difesa del territorio (Ministero della difesa)
Le tematiche riguardanti i lavori pubblici (Ministero delle Infrastrutture)
Tematiche del lavoro (Ministero del Lavoro)
Ministero del Turismo (Settore terziario)
Enti Locali e Public Utilities
Leggi…
Il socialismo scientifico
Esiste un’alternativa all’”egoismo” del capitalismo? Si può costruire un sistema economico efficiente e razionale senza il capitalismo? Non solo rispondiamo di si, ma indichiamo come costruirlo. Un messaggio rivolto al popolo di sinistra, rimasto “orfano” dopo la caduta del comunismo. Infatti, partendo dall’analisi dell’economia pianificata e dei motivi che l’hanno fatta andare in crisi, portando al crollo i regimi comunisti, e dal confronto senza pregiudizi tra comunismo e capitalismo, arriveremo a disegnare un modello economico, che pur basandosi sulla proprietà collettivizzata, risponde a criteri di efficienza e ad assenza di sprechi; questo perché non abolisce il libero mercato, che resta sempre il migliore meccanismo di regolazione dell’economia. La storia, infatti, ha dimostrato che se lo si sopprime, si va verso l’inefficienza e il fallimento.
Leggi…
democrazia
La Democrazia: Istruzioni per l’uso
La democrazia è stata una grande conquista per l’umanità; non più l’assolutismo di un monarca o di un despota, ma il popolo che sceglie liberamente i suoi governanti. Costruire un regime democratico che “funzioni bene”, però, non è un’impresa semplice. Sono necessarie determinate “strutture” e l’adozione di certe modalità, come ad esempio un buon sistema elettorale che garantisca la governabilità. Il mondo, infatti, è pieno di democrazie imperfette o “malate”, come la nostra, che vanno avanti alla men peggio, non garantiscono l’alternanza al potere o, peggio, degenerano in democrazie clientelari, basate sul voto di scambio. In questo sito il know-how per la democrazia ideale.
Leggi…